Templates by BIGtheme NET
Home / Viaggiare nel Mondo / Cartagena de Indias, la perla turistica colombiana

Cartagena de Indias, la perla turistica colombiana

Porta dell'orologio, Cartagena de Indias, Colombia
Porta dell’orologio, Cartagena de Indias, Colombia

 

Indice:

Di Cartagena ce ne sono tante nel mondo, ma una sola è Cartagena de Indias, in Colombia.

Spettacolare città situata intorno a una baia rotonda, sul mar dei Caraibi, puntellata da isolette sulle quali sono cresciuti i suoi quartieri … vanta una storia antica che inizia nel 1533 quando il conquistatore spagnolo Pedro de Heredia fondò una colonia col nome di una Cartagena già esistente in patria.

Per strappare questa terra alla tribù india locale, gli europei dovettero combattere sanguinose guerre dato che i locali erano abili guerrieri, donne e bambini compresi, e forse anche per questo il nome che richiama “Cartagine” e le sue imprese segna perfettamente la città.

Assediata e attaccata per un secolo intero da pirati di ogni nazionalità, la città costruì a fine 17° secolo le fortificazioni che ancora oggi sono il suo più bel tesoro architettonico. Centro commerciale importante, fu purtroppo anche una nota sede dell’Inquisizione e una città schiavista.

Il periodo migliore per visitare Cartagena de Indias

Oggi è un centro turistico molto bello, e grazie al suo clima sempre caldo (tra i 20°C ed i 31°C) potrebbe essere visitato tutto l’anno.

Tuttavia, il periodo migliore per visitare Cartagena de Indias è preferibilmente tra dicembre e aprile ovvero nella stagione “secca”.

Fortemente sconsigliati i mesi tra maggio e novembre: le temperature sono sempre ottima, ma questi mesi sono particolarmente piovosi, soprattutto il mese di ottobre.

Cartagena de Indias, come si arriva

Ovviamente a Cartagena de Indias è meglio arrivare in aereo. Si atterra all’aeroporto internazionale Rafael Nuñez (a soli 3 km dal centro) molto ben collegato alla città da un servizio taxi rapido e organizzato (non troppo costoso).

Si può anche arrivare in autobus dal Brasile e da Panama grazie a diverse linee a lunga percorrenza che vi permetteranno di viaggiare più comodamente che con l’auto.

Il treno è sconsigliato, ma da Panama potete anche arrivare via mare con traghetti e navi che fanno la spola diretta col porto di Cartagena.

Come muoversi all’interno di Cartagena de Indias

In città ci si muove con gli economici autobus (ma spesso sono lenti e in ritardo) o con gli onnipresenti taxi, ma potete anche provare un bel giro turistico in carrozza o in bici (il noleggio bike migliore è Velotours ma va bene anche Bike&Art).

Per chi non ha fretta da provare il viaggio in battello tra i quartieri-isola del centro.

In fondo all’articolo abbiamo riservato per te una sezione per poter scaricare la mappa della città di Cartagena de Indias!

Cartagena de Indias: cosa vedere

Cartagena de Indias ha davvero molto da offrire; fu una città molto cara allo scrittore Gabriel Garcìa Màrquez, infatti molti dei luoghi della città hanno ispirato i suoi romanzi più famosi.

La prima cosa da fare è visitare la città antica, tutta, nei suoi vicoli e nei palazzi regali.

Soprattutto bisogna vedere la possente cinta di mura settecentesche che ancora oggi chiude i tesori architettonici del centro storico di Cartagena, il Centro Amurallado.

Da ammirare il famoso Castello San Felipe de Barajas. Le mura di Cartagena furono innalzate per difenderla dagli attacchi nemici, fin troppo costanti.

Sono una grandiosa opera di architettura militare che comprende il Castello San Felipe de Barajas (1657) al cui interno sono state scavate numerose gallerie sotterranee per collegare in fretta e in sicurezza i vari punti del maniero.

Si poteva gridare da dentro una galleria e sentire l’eco fin dall’altro lato del cortile, senza che il nemico udisse nulla!

Castello San Felipe de Barajas, Cartagena de Indias, Colombia
Castello San Felipe de Barajas, Cartagena de Indias, Colombia

 

Dalla maestosa “Porta dell’Orologio” si entra nel tempio dell’architettura coloniale colombiana. Edifici eleganti e barocchi contrastano con strutture rigidamente militari, bellissime le chiese come la cattedrale di Santa Catalina, la chiesa di San Pedro Claver e la piazza di Santo Domingo.

Quest’ultima è davvero interessante, per due motivi: il primo motivo è che qui troverete la chiesa più antica della città (1539):

Chiesa di piazza Santo Domingo, Cartagena de Indias, Colombia
Chiesa di piazza Santo Domingo, Cartagena de Indias, Colombia

 

Il secondo motivo è Gertrudis, ossia una statua di bronzo che ritrae una donna completamente nuda.

Questo capolavoro di Fernando Botero ha legata a sé una leggenda: se toccherete il sedere della statua, questo vi porterà fortuna, se invece toccherete la parte alta di Gertrudis, avrete la fortuna di ritornare a Cartagena de Indias!

Gertrudis, Cartagena de Indias, Colombia
Gertrudis, Cartagena de Indias, Colombia

 

Immancabile la Plaza de los Coches, originariamente il centro del mercato degli schiavi durante la dominazione coloniale spagnola per quelli poveri degli sfortunati rubati dall’Africa e destinati alla servitù nelle piantagioni.

La plaza è circondato da un’architettura coloniale spagnola, restaurato e riportato alla sua gloria originale, come è stato molto della città.

Per capire più in profondità la sofferenza che questo popolo ha subito, vi consigliamo la visita del Palazzo dell’Inquisizione, chiamato anche Museo Historico.

Plaza de Los Coches, Cartagena de Indias, Colombia
Plaza de Los Coches, Cartagena de Indias, Colombia

 

Tappa obbligatoria è anche l’originale piazza triangolare detta La Aduana, la più grande della città. Qui troverete il palazzo dove visse il fondatore di Cartagena de Indias, Pedro de Heredia, ed anche la statua dedicata a Cristoforo Colombo.

Piazza La Aduana, Cartagena de Indias, Colombia
Piazza La Aduana, Cartagena de Indias, Colombia

 

Noi di viaggiainformato.com vi consigliamo, magari di sera, di raggiungere la cima della collina La Popa, perché vi offrirà una vista panoramica alla quale non si può assolutamente rinunciare!

Sulla collina torverete anche la cappella dedicata alla patrona di Cartagena: La Virgen de la Candelaria.

Cartagena vista dalla collina La Popa, Cartagena de Indias, Colombia
Cartagena vista dalla collina La Popa, Cartagena de Indias, Colombia

 

Infine, perdetevi nelle strade di Cartagena de Indias a girare per le botteghe di artigianato e godersi, se si è fortunati, una delle tante feste religiose locali ma anche il festival del Jazz e il Carnevale.

Se avete voglia di passare una giornata tra le spiagge bianche e le acque coralline del Mar dei Caraibi, a meno di un’ora da Cartagena de Indias troverete l’arcipelago del Rosario, più comunemente conosciuto con il nome Islas del Rosario.

Qui è il posto ideale per praticare snorkeling, rimanere incantati dalla barriera corallina o, più semplicemente, rilassarvi al sole ed ammirare questo spettacolo della natura!

Islas del Rosario, Cartagena de Indias, Colombia
Islas del Rosario, Cartagena de Indias, Colombia

Cartagena de Indias di notte

Il divertimento è garantito da teatri, concerti e spettacoli serali e per i più giovani i locali dove si balla la Rumba, o le discoteche che aprono quasi sempre dopo le 23 (ma chiudono a giorno fatto!).

Tanti i locali di musica live e di buon cibo associato alla musica, Cartagena è aperta alle comitive e alle feste di gruppo.

Noi vi consigliamo di andare a scoprire i quartieri della Ciudad Amurallada e di Getsémani con locali come “Cafè de Mar”, “Cafè Havana”, “Donde Fidel”, “La Movida”, “Mister Babilla” e “Bazurto Social Club”.

Cosa mangiare a Cartagena de Indias

Cucina strana e originale, quella della tropicale Cartagena!

Dovrete allenare il palato a seguire piatti che vi sembreranno assurdi come riso al cocco, patate con cipolla, pomodoro e formaggio, riso all’arancia, polpettine di manioca, insalata di lattuga con mostarda!

Se vorrete potrete farlo in locali come “Cuzco”, “La Mulata” o “Espiritu Santu”.

Se invece amate il pesce, (e qui ce n’è tanto!), provate a mangiare da “Peru Fusion”, “Porton San Sebastian”, “La Cevicheria”, “La Mistura” “Restaurante Alma” .

Informazioni utili

La moneta della Colombia è il Peso Colombiano.

Per entrare in Colombia dovrete esibire passaporto valido oltre 3 mesi dall’arrivo. Inoltre, dovete accompagnare questo documento con il Visto che riceverete all’arrivo (se andate per motivi di lavoro dovete chiedere il Visto prima di partire dall’Italia).

Non sono richieste vaccinazioni particolari però vi consigliamo di proteggervi contro epatiti, tifo addominale e malattie contagiose come il morbillo.

Il fuso orario di Cartagena è -7 ore rispetto all’Italia.

L’attacco elettrico è 110V/60Hz. Adattatori necessari anche per le prese che sono a inserimento lamellare.

Download della mappa della città e della metropolitana

Sei alla ricerca di una cartina per visitare Cartagena de Indias? Ci pensiamo noi!

Cliccando ai seguenti link potrai scaricare la mappa della città:

Scarica qui la mappa turistica

error: Content is protected !!