Templates by BIGtheme NET
Home / Viaggiare nel Mondo / Marrakech, città avvolta dalla magia e dall’incanto

Marrakech, città avvolta dalla magia e dall’incanto

 

La piazza principale Jemaa el Fna, Marrakech, Marocco
La piazza principale Jemaa el Fna, Marrakech, Marocco

 

Indice:

Per chi è alla ricerca di un luogo caldo ma anche ricco di tradizioni e cultura, oltre ad un paesaggio meraviglioso, nel quale poter trascorrere le proprie vacanze, Marrakech è l’ideale.

Questa città, città famosissima del Marocco, è uno dei luoghi più frequentati di tutto il continente africano sia dagli abitanti, sia dai turisti che ogni anno accorrono numerosi in queste zone per poterne scoprire le attrazioni che offre a chi vi giunge.

A Marrakech è infatti possibile passare dalle zone in cui sono presenti venditori ambulanti che nelle loro bancarelle mettono in vendita spezie e prodotti tipici locali, a quelle in cui sorgono edifici molto più moderni e imponenti.

Il periodo migliore per visitare Marrakech

Chi desidera raggiungere Marrakech deve però tener conto del clima che caratterizza queste zone: recarvisi in un periodo sbagliato può farvi incontrare temperature o troppo basse, o troppo alte.

Per godere di un clima mite, che si assesta verso i 20-25 gradi è consigliabile infatti prediligere i periodi tipicamente primaverili o autunnali.

Tuttavia, è sconsigliato visitare Marrakech il mese di aprile in cui è più probabile che il territorio venga investito da tempeste di sabbia che rendono sconsigliate le visite al deserto, una delle mete principali di coloro che si recano a Marrakech.

Come arrivare

Per raggiungere Marrakech è possibile utilizzare diversi mezzi di trasporto, essendo questa città uno dei cardini del territorio in cui sorge.

Senza ombra di dubbio, optando per l’aereo ci si può ritrovare in breve tempo in un altro mondo rispetto a quello a cui siamo abituati.

Dalle principali località italiane partono infatti ogni giorno voli internazionali, spesso anche delle compagnie low cost, diretti verso l’aeroporto di Ménara, distante solo 6 kilometri dal centro di Marrakech, raggiungibile grazie alla presenza di taxi che percorrono la tratta a soli 60 MAD, equivalenti a circa 6 euro, o mediante l’autobus numero 19 il cui costo è di 20 MAD.

Per chi all’aereo preferisce altri mezzi di trasporto, è possibile compiere il viaggio in treno, scendendo alla stazione di Guéliz, dalla quale è possibile raggiungere il centro di Marrakech prendendo un taxi o diverse linee di autobus.

Questi mezzi di trasporto sono molto utilizzati anche per i trasferimenti tra le principali località marocchine, come ad esempio Casablanca, Fès e Essaouira.

Come spostarsi a Marrakech

Per poter muoversi agevolmente all’interno di Marrakech è possibile utilizzare le linee di autobus che collegano le varie parti della città, mentre è ancora in fase di sviluppo la linea tranviaria.

Se però si preferisce il trasporto automobilistico è possibile optare per l’utilizzo del taxi o il noleggio di un’automobile con la quale poter essere indipendenti al costo di partenza di circa 15 euro al giorno.

In fondo all’articolo, noi di viaggiainformato.com abbiamo riservato per voi la mappa della città, per potervi muovere serenamente a Marrakech!

Marrakech: cosa vedere e visitare

Una volta giunti in questa meravigliosa città del Marocco, Marrakech, c’è solo l’imbarazzo della scelta su quale luogo o sito turistico da visitare.

La zona turistica di maggior fascino ed interesse è la Medina, patrimonio UNESCO insieme alla Medina di Fez e alla città di Rabat.

Piccola curiosità: la lingua ufficiale di Marrakech è il francese, ma grazie anche ai flussi turistici provenienti del nostro Paese, la maggior parte degli abitanti parlano in italiano abbastanza bene.

Piazza Jemaa el Fna

Bellissima e piena di vita a qualsiasi ora del giorno e della notte, è la piazza dove potrete respirare la vera cultura di Marrakech.

Rimarrete incantati da bancarelle di ogni tipo, dagli incantatori di serpenti e dal suono del loro piffero, dai musicanti di tamburi e dalle donne e la loro meravigliosa arte dei tatuaggi all’henné.

Sarà davvero piacevole, poi, ammirare tutto ciò dalle terrazze di uno dei bar tipici presenti a Jemaa el Fna!

Incantatore di serpenti in piazza Jemaa el Fna, Marrakech, Marocco
Incantatore di serpenti in piazza Jemaa el Fna, Marrakech, Marocco

Il Souk

Una tappa obbligatoria a Marrakech!

I souk non sono altro che dei bazar molto caratteristici, pieni di colori e di fascino!

Rimarrete incantati dai più classici souk, come quelli delle stoffe, dei tappeti e dei vestiti, a quelli più insoliti come quelli del ferro battuto!

Nei souk potrete sbizzarrirvi ad acquistare oggetti meravigliosi, come gioielli fatti a mano o lampade dalle linee particolari, pagando davvero poco, ma molto dipenderà da voi e dalla vostra capacità di contrattare!

Questo caratteristico e colorato mercato è davvero bellissimo, ma anche grande, e rischiate di perdervi; il nostro consiglio è di lasciarvi incantare dalla sua bellezza, seguendo sempre, però, il tragitto percorso dagli altri turisti e compratori.

Souk di lampade e lanterne, Marrakech, Marocco
Souk di lampade e lanterne, Marrakech, Marocco

I Giardini Majorelle

Situato appena fuori la città vecchia di Marrakech, è sicuramente una delle mete più affascinanti che questa città vi possa regalare.

Il giardino si chiama così grazie al suo creatore, Jacques Majorelle, trasferitosi a Marrakech agli inizi del ‘900, ma venne presto abbandonato.

Questo giardino ritrovò il suo splendore negli anni ‘80, grazie al celebre Yves Saint Laurent (a cui è stata dedicata anche una colonna in sua memoria) e al suo socio Pierre Bergè.

Il Giardino Majorelle è ricco delle piante più inaspettate, e ognuna di queste ha un cartello dove viene spiegata la loro origine e le loro peculiarità.

Il giardino è estremamente curato nei minimi dettagli, ma vi colpiranno anche gli edifici ed i dipinti blu elettrico, colore che potrete più facilmente identificare come blu majorelle.

In questo luogo rilassante, non potrete certo non visitare il celebre Museo di Arte Islamica, di realizzazione di Yves Saint Laurent e Pierre Bergé, in cui sono contenute collezioni di manufatti islamici, nonché decorazioni di ceramica, antiche porte e gioielli vari.

Il biglietto per visitare i giardini Majorelle è di circa 50 MAD, invece quello per il museo d’arte islamica è di circa 25 MAD (il totale in euro si aggira intorno ai € 7).

Giardini Majorelle, Marrakech, Marocco
Giardini Majorelle, Marrakech, Marocco

Palazzo della Bahia

Preparate a tenere la testa sempre rivolta verso l’alto!

Questo bellissimo palazzo di fine ‘800 è purtroppo stato deprivato del suo arredamento, ma ciò non toglie che possiate rimanere piacevolmente colpiti dai suoi soffitti, decorati nei minimi dettagli e presenti in ogni stanza del palazzo, e dai suoi archi, tutti in pietra e in legno.

Questo edificio fu costruito, in tutta la sua sfarzosità, per opera del gran visir Dar Si Moussa (ossia il primo ministro).

Il visir nella sua vita ebbe quattro mogli, ma ad una di loro era particolarmente legato, talmente tanto da dedicarle l’intero palazzo e chiamarlo “Bahia”, ossia bellezza in suo onore.

L’edificio, esteso tutto su un piano e radicalmente ampliato dal figlio del visir, è una delle opere più belle e maestose di tutta l’architettura marocchina.

E pensate che per ammirare questo capolavoro vi costerà appena €1!

Palazzo El Bahia, Marrakech, Marocco
Palazzo El Bahia, Marrakech, Marocco

 

Ancora sono tante le attrazioni di Marrakech; tra questi uno molto gettonato da tutti i turisti è il Cyberpark, un parco ampio otto ettari nel quale è messo a disposizione gratuita la connessione ad internet.

Passeggiando per i vari sentieri del parco non sarà difficile trovarsi immersi nella natura, grazie alla numerosa presenza di vegetazione costituita prevalentemente da palme e aranci.

Cyber Park, Marrakech, Marocco
Cyber Park, Marrakech, Marocco

 

Visitando uno dei moltissimi musei presenti a Marrakech sarà possibile fare un vero e proprio salto nella cultura: presso la Maison Tiskiwin si avrà la possibilità di ammirare la collezione appartenente all’antropologo Flint riguardante l’artigianato tipico del luogo e antiche selle per cammelli, in un viaggio all’interno del Marocco e della sua storia.

Gli appassionati d’arte invece si possono recare presso la Galerie Noir sur Blanc, in cui sono esposte opere legate all’arte contemporanea tipica di questo Paese e non solo.

Se si desidera invece visualizzare oggetti di manifattura artistica non possono mancare le visite al famoso Museo Dar Si Said, in cui si riscontrano tra il resto tappeti, lampade a olio di Taroundant e oggetti di ceramica blu di Safi e verdi di Tamgroute.

L’ingresso nel museo si aggira intorno ai 10 MAD ovvero 1 €. Mi raccomando, chiedete senza vergognarvi la ricevuta, altrimenti si potrebbe pensare che i soldi se li intasca il bigliettaio!

La moschea della Koutoubia

È uno dei simboli di Marrakech, oltre ad essere un importantissimo punto di riferimento per tutti i turisti che si sono persi nel suggestivo souk!

Questa caratteristica moschea di quasi 80 metri si trova proprio di fianco alla piazza Jemaa el Fna, ma purtroppo potrete entrare solo se musulmani!

Non disperate però: fortunatamente l’edificio si può ammirare in tutta la sua bellezza all’esterno!

Moschea della Koutoubia, Marrakech, Marocco
Moschea della Koutoubia, Marrakech, Marocco

L’esperienza del deserto

Un’esperienza imperdibile per tutti coloro che raggiungono Marrakech per trascorrere le proprie vacanze è l’escursione nel deserto a cavallo di un cammello, perfetta per ammirare le meraviglie presenti sul territorio da una prospettiva diversa: chi l’ha provata ammette che non si può apprezzare fino in fondo la città senza aver effettuato questa meravigliosa esperienza.

 

Vivere Marrakech di sera

Quando tramonta il sole, noi di viaggiainformato.com vi consigliamo di ammirare la piazza più famosa Jemaa el Fna da una delle terrazze del posto: lo spettacolo che godrete sarà di una bellezza unica ed emozionante!

La sera, continuate la vostra serata qui: ristoranti di ogni tipo a prezzi davvero vantaggiosi!

Jemaa el Fna al tramonto, Marrakech, Marocco
Jemaa el Fna al tramonto, Marrakech, Marocco

 

I turisti di Marrakech hanno poi la possibilità di trascorrere la serata assistendo ad uno spettacolo teatrale all’interno di uno teatri presenti in città come il Théatre Royal de Marrakech, l’institut Francais e il Dar Chérifa.

Cucina tipica marocchina

Dopo una giornata trascorsa alla scoperta di Marrakech e dei suoi luoghi principali, perché non recarsi in un ristorante del luogo dove assaporare piatti tipici marocchini?

La cucina di questo Paese è infatti molto varia e comprende l’utilizzo di un’ampia varietà di spezie: basti pensare che è molto frequente trovare nei condimenti dei piatti il Ras el hanout, in cui sono contenuti, tra il resto, il peperoncino, la cannella, il pepe, la noce moscata, la curcuma, nonché note di frutti di bosco.

Non si può però assaporare la cucina a Marrakech senza assaggiare quello che è il piatto principale, ossia i Tajine, disponibile in varie versioni, anche se le più diffuse sono quelle che richiedono l’utilizzo di carne d’agnello, pollo o manzo ai quali vengono aggiunte spezie e verdure.

I tajine possono essere anche a base di pesce o a base di sole verdure, magari con l’aggiunta di petali di fiori.

Altre specialità tipiche di Marrakech e del Marocco più in generale sono la Pastilla, fagottini di pasta fillo al cui interno si possono trovare carne di pollo, mandorle, cannella e altre spezie, la zuppa Harira, in cui viene cotto l’agnello accompagnato da ceci e lenticchie, e la trippa in umido.

Il tutto non può non essere servito poi insieme ad una tazza di tè alla menta fumante, bevanda molto consumata in Marocco, così come il succo d’arancia.

Informazioni utili

A Marrakech, come in tutto il Marocco, la valuta è il Dirham marocchino.

Per entrare avrete bisogno del passaporto con validità di almeno sei mesi; per i cittadini italiani non è necessario il visto.

Per mettere piede a Marrakech, non è necessaria nessuna vaccinazione in particolare; tuttavia, molto spesso viene consigliato di vaccinarsi contro la rabbia e l’epatite A e B.

Il fuso orario è meno un’ora rispetto all’Italia, di due ore, invece, quando è in vigore l’ora legale.

Le prese di corrente sono 220V (50Hz), e le spine che si utilizzano sono le stesse che vengono adoperate in Italia.

Download della mappa della città di Marrakech

Stai cercando una mappa per poter visitare Marrakech senza perderti? Non preoccuparti!

Ecco a te il link per poter salvare e scaricare la cartina della città:

Scarica qui la mappa turistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!