Templates by BIGtheme NET
Home / Viaggiare in Italia / Bologna: arte, cultura e buona cucina

Bologna: arte, cultura e buona cucina

Fontana del Nettuno, Bologna, Emilia Romagna
Fontana del Nettuno, Bologna, Emilia Romagna

Indice:

Una delle città presenti in Italia con il turismo in crescita è Bologna, capoluogo di regione dell’Emilia Romagna.

Il suo centro storico, tra i più ampi tra i paesi italiani, e la sua offerta culturale fanno sì che questa città sia raggiunta da moltissime persone ogni anno, non solo studenti, ma anche turisti.

Chiunque ha la possibilità di visitare i luoghi storici bolognesi, noterò come in passato sono stati influenzati dalle diverse popolazioni che negli anni si sono susseguite in questa zona: è questo ad esempio il caso degli Etruschi, Celti, per poi arrivare ai Romani e allo Stato Pontificio.

Bologna, non solo ricca di storia, ma anche amata dai cantautori nati in questa terra: come Lucio Dalla, nella sua “Dark Bologna”, o Luca Carboni con “La mia città”.

E lo sapevi che anche Cesare Cremonini in “50 special” ricorda delle sue serate di gioventù bolognesi?

Il periodo migliore per visitare Bologna

Coloro che intendono visitare la città di Bologna è meglio che evitino i mesi di gennaio e di luglio, considerati rispettivamente il più freddo e il più caldo dell’anno a causa del clima umido, ma temperato, che caratterizza queste zone.

In primavera e in autunno si concentrano maggiormente le precipitazioni atmosferiche, rendendo difficoltosa la scoperta di tutte le attrazioni turistiche presentate da Bologna.

Ecco perché il periodo migliore per visitare il capoluogo emiliano è quello compreso nei mesi di maggio e giugno: l’inverno, oltre ad essere freddo, è caratterizzato anche da intense nevicate e dalla presenza della nebbia, trovandosi Bologna in un territorio compreso nella pianura padana.

È proprio questa posizione che permette a Bologna di essere un punto di riferimento per coloro che si trovano ad attraversare la zona, in quanto essa è al centro delle principali vie di comunicazione.

Questo aspetto la rende particolarmente comoda da raggiungere da coloro che desiderano visitare la città.

Bologna: come arrivare

Se si giunge in macchina, le autostrade permettono di raggiungere Bologna da qualsiasi direzione: attraverso la A1 tramite la linea Milano-Firenze-Roma-Napoli, la A14 che tocca le città di Bologna, Ancona e Taranto, e la A13 che collega Bologna con il Veneto attraverso Padova.

Diverse sono poi le strade statali tramite le quali è possibile raggiungere Bologna dalle città limitrofe.

Scegliendo la ferrovia come mezzo di trasporto, è possibile arrivare al centro di Bologna scendendo presso la stazione di Bologna Centrale, da cui è possibile raggiungere i principali monumenti e siti turistici a piedi o utilizzando il pullman urbano.

Inoltre, per arrivare nei diversi punti della città vi é il servizio ferroviario metropolitano, dotato di una decina di stazioni, in modo da poter raggiungere ovunque in breve tempo.

Se però si giunge da lontano, è possibile prendere l’aereo grazie alla presenza dell’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna, collegato con le principali città italiane e da cui è possibile raggiungere il centro con l’autobus, il taxi  o, addirittura, il treno.

Come muoversi nella città di Bologna

Una volta raggiunto il centro città e poi possibile effettuare un giro turistico di Bologna a bordo di uno dei pullman con il piano scoperto con la guida turistica (chiamato City Red Bus)che provvederà ad illustrare i maggiori monumenti presenti in città.

Se invece si preferisce girare da soli per la città, è possibile farlo anche tramite i numerosi servizi di car sharing e bike sharing presenti in vari punti della città, nonché il nuovissimo e gratuito servizio “Bi-bo”, ossia un particolare sistema di taxi su bicicletta.

In fondo all’articolo, noi di viaggiainformato.com abbiamo riservato per voi la mappa della città di Bologna, per vivere a pieno la vostra permanenza in questa bellissima città!

Bologna: cosa vedere

Le attrazioni turistiche presenti a Bologna sono veramente tantissime, a partire dal già citato centro storico, caratterizzato da più di 38 chilometri di portici, che permettono inoltre di passeggiare per le vie del centro al riparo da pioggia e neve nel caso di maltempo.

Uno dei luoghi che non si può fare a meno di visitare se si giunge a Bologna è la famosa  Piazza Maggiore, che contiene al suo interno la Basilica di San Petronio, recante decorazioni sublimi sia sul portone che sulle cappelle presenti in essa.

Piazza Maggiore, Bologna, Reggio Emilia
Piazza Maggiore, Bologna, Reggio Emilia

 

Alle spalle della Piazza, vi si presenterà davanti ai vostri occhi Piazza Nettuno, e la sua maestosa statua: impossibile non lasciarsi incantare!

La statua di Nettuno è uno dei monumenti maggiormente apprezzata dai turisti; interessante è la divertente leggenda che interessa la statua.

La Chiesa impose al suo scultore, Giambologna, di rendere le parti intime del Nettuno di dimensioni ridotte; lui accettò, ma decise di cambiare la posizione delle mani: una sul tridente e l’altra protesa in avanti.

Niente di strano, se non fosse che, posizionandosi alle spalle della statua, precisamente sulla pietra della vergogna, il pollice di Nettuno vi sembrerà…la sua parte intima!

La fontana di Nettuno vista dalla pietra della vergogna, Bologna, Emilia Romagna
La fontana di Nettuno vista dalla pietra della vergogna, Bologna, Emilia Romagna

 

A Bologna sono inoltre presenti numerose altre attrattive turistiche, tra cui la Chiesa di San Domenico, in cui sono custodite le reliquie e le spoglie del Santo cui si fa riferimento e vi sono dipinti e affreschi di maestri dell’arte come Niccolò dell’Arca e Michelangelo.  

Meta da non lasciarsi sfuggire è il complesso denominato “Sette chiese”: si tratta di un insieme di diverse chiese e cappelle collegate tra loro all’interno di Piazza Santo Stefano.

È da ricordare poi che Bologna è circondata tra mura che ne contengono la città, nelle quali sono presenti 12 porte storiche che in tempi passati permettevano di accedere al centro.

Da qui si possono poi vedere la famosissima Torre degli Asinelli, simbolo della città, la cui altezza raggiunge quasi i 100 metri.

La sua altezza è di gran lunga superiore rispetto alle torre di Pisa; infatti la torre degli Asinelli è la torre pendente più alta d’Italia!

Saliteci su e godetevi il favoloso panorama, ma non lo fate se non siete laureati: vige la credenza secondo cui chi ci sale prima di laurearsi, non arriverà mai al traguardo!

Torre degli Asinelli, Bologna, Emilia Romagna
Torre degli Asinelli, Bologna, Emilia Romagna

 

Diversi sono poi i palazzi antichi che caratterizzano Bologna nelle sue strade cittadine, oltre che i parchi e i giardini che permettono di respirare un po’ di natura all’interno della città.

Non perdetevi assolutamente la piccola Venezia: un angolo piccolissimo, anche defilato rispetto al centro, ma ne vale assolutamente la veduta!

Piccola Venezia, Bologna, Emilia Romagna
Piccola Venezia, Bologna, Emilia Romagna

 

Inoltre, ritagliatevi del tempo per poter respirare l’atmosfera dell’allegro e goloso mercato antico del Quadrilatero.

Tutto ciò che è tipicamente bolognese, lo troverete qui: prodotti tipici, piatti prelibati,e soprattutto tradizione!

Mercato antico del Quadrilatero, Bologna, Emilia Romagna
Mercato antico del Quadrilatero, Bologna, Emilia Romagna

 

Se siete amanti della lettura ed appassionati di dischi, non potete saltare la Sala Borsa, un centro dove la cultura si respira nell’aria, e che ospita anche alcune mostre in alcuni periodi dell’anno.

Interessante è la pavimentazione, totalmente in vetro per far ammirare ai suoi visitatori i resti archeologici ritrovati in città nel VII secolo a.C.

Biblioteca Sala Borsa, Bologna, Emilia Romagna
Biblioteca Sala Borsa, Bologna, Emilia Romagna

Vivere Bologna di sera

Passare la serata per le strade di Bologna è davvero piacevole, sia per i ragazzi che per gli adulti.

Potrete rilassarvi con un aperitivo e con gli immensi buffet che avrete a vostra disposizione, oppure resistete fino ad ora di cena e godetevi il buon cibo bolognese in una buona trattoria!

Finite la vostra serata verso il centro della città, a Piazza Nettuno e a Piazza Maggiore: è lì che percepirete la vera anima della città notturna!

Noi di viaggiainformato.com vi consigliamo l’acquisto della Bologna Welcome Card: grazie a questa card, avrete l’ingresso gratuito in moltissimi musei che altrimenti pagherete, e sconti vantaggiosi nei negozi e nei locali!

Cucina tipica bolognese

Come perdersi poi la possibilità di gustare eccellenze culinarie del posto conosciute in tutto il mondo?

Le lasagne e il ragù fanno parte della tradizione bolognese da sempre, così come la tipica mortadella di Bologna!

O la cotoletta, che viene prima fritta, poi imbevuta leggermente di brodo caldo, dopodiché le viene adagiata sopra una fetta di prosciutto, un abbondante manciata di parmigiano reggiano, per poi essere ripassata in forno.

Tra i dolci tipici della zona si possono assaporare il certosino, realizzato tra gli altri ingredienti con anice, cannella, mandorle, cioccolato e cedro candito, e la pinza bolognese, ossia un rotolo di pasta dura contenente la mostarda prodotta a Bologna, dolci tipicamente natalizi.

Download della mappa turistica di Bologna

Per il tuo viaggio a Bologna, crediamo che sia molto utile avere con te la mappa della città per muoverti senza sentirti smarrito! Scaricala al seguente link:

Scarica qui la mappa turistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *